Ministero per i beni e le attivita' culturali e per il turismo-Direzione generale archivi

Servizio Archivistico Nazionale

Archivi d'impresa

Biografie di alcuni dei maggiori protagonisti della storia imprenditoriale italiana, frutto della collaborazione tra l'Università Bocconi di Milano e l'Istituto dell'Enciclopedia Italiana.

  • PANZARASA, Rinaldo

    PANZARASA, Rinaldo

    Presidente dell'Italgas dal 1923, ne favorisce l'ingresso nel settore chimico e stringe accordi con la Società idroelettrica piemontese. Nel 1928 fonda l'ACNA, Aziende chimiche nazionali associate, per la produzione di coloranti. L'Italgas diviene una holding finanziaria, ma si trova nel 1929 in grave sofferenza, soprattutto per la sottocapitalizzazione. Costretto a dimettersi da tutte le cariche, Panzarasa viene arrestato per bancarotta fraudolenta. Successivamente assolto, partecipa nel 1936 alla nascita della Liquigas.
  • PAVESI Mario

    PAVESI Mario

    Trasferitosi a Novara, tra il 1934 e il 1945 avvia una fiorente attività artigianale per la produzione di pane e biscotti, presto trasformata in industria. Attento alle suggestioni americane e all'impatto della pubblicità, trasforma i "biscottini di Novara" in Pavesini, conosciuti ovunque. La Pavesi, che ha differenziato la produzione e inventato la formula dell'area di ristoro autostradale, entra poi nell'orbita del gruppo Montedison e della SME, e infine della Barilla.
  • PERONI, Giovanni

    PERONI, Giovanni

    Giovanni Peroni, erede dell'attività paterna nella produzione artigianale di birra, porta il centro operativo dell'impresa da Vigevano a Roma e sviluppa la fabbricazione industriale della birra a bassa fermentazione e gradazione, che riscuote il favore dei consumatori italiani; dà una solida base all'espansione dell'impresa, che avverrà dopo la sua morte.
  • PERRONE, Ferdinando Maria

    PERRONE, Ferdinando Maria

    Ferdinando Maria Perrone intraprende in età avanzata l'attività di imprenditore industriale, acquisendo all'inizio del Novecento il controllo e la proprietà del gruppo genovese Ansaldo; la sua strategia di integrazione verticale volta alla formazione di un grande complesso siderurgico e navalmeccanico viene ripresa e accentuata dai figli ed eredi Mario e Pio.
  • PERRONE, Mario e Pio

    PERRONE, Mario e Pio

    Subentrati nel 1908 al padre, Ferdinando Maria Perrone, alla guida dell'Ansaldo, proiettano l'azienda sul mercato internazionale, costruendo anche l'apparato motore e le corazze d'acciaio per le navi da guerra. Appoggiati finanziariamente dalla Banca italiana di sconto e proprietari anche delle testate genovesi Il secolo XIX e Corriere mercantile e del romano Il Messaggero, spingono per l'entrata in guerra. Finita questa, l'Ansaldo si trova in difficoltà e nel 1921 i due fratelli sono allontanati dall'azienda, limitandosi all'attività editoriale.
Risultati: 1-5 di 14